Un conoscente ha risposto ad una mia e-mail sull’argomento dell’acqua ai privati.  Post che avevo aperto tempo fa. Almeno ho avuto una risposta, anche se chi dice una cosa, chi ne dice un’altra ancora non si capisce nulla. certo, io spero fortemente che sia come dice questa persona. In quanto l’acqua è un bene pubblico!!! E non mi interessa destra o sinistra la politica viene evidenziata in tutto solo per dividerci. E ci riescono fortemente. Ecco la risposta:

"La notizia è ovviamente una delle tante bufale che mette in giro la macchina di disinformazione di sinistra.
Scommetto che nessuno di voi si è letto l’articolo 23 bis del DL. 112 prima di girare la notizia… vero?

Bene, l’articolo in questione azzera quelle concessioni per l’acqua già concesse (dalla sinistra) senza procedure di evidenza pubblica (senza gara… agli amici, per dirla a chi non comprende bene), obbligando ora ad assegnare le concessioni unicamente con gara pubblica, e afferma che la proprietà delle reti idriche (e non solo) è pubblica e che può esser data solo in gestione (esattamente come ora).
 
Sostanzialmente tutto verrà fatto, finalmente, con regolari procedure e non per clientelismo, il che dimostra proprio il contrario, cioè che il Governo sta cercando di mettere le cose al loro posto.
 
Se non volete alimentare queste sciocche catene di disinformazione, cercate quantomeno di documentarvi prima di mettere in giro notizie false che camminano veloci sulla base di carenze informative."
 
Fabio

Annunci