Visto che ho accennato a Leonardo da Vinci, postando anche due sue opere importanti…inserisco una sua piccola biografia, anche se il discorso storico, culturale e privato del personaggio è molto ampio e non credo ci impiegherei poco a farne un riassunto, visto che nemmeno  chi lo studia ha ancora un’idea completa di questo genio… e un sacco di inchiostro è stato speso per descrivere la sua vita…

 

Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci(1452-1519) artista, scienziato e filosofo italiano, una delle figure più significative del Rinascimento. Cominciò la sua attività artistica a Firenze come ragazzo di bottega, ma ben presto si iscrisse alla corporazione dei pittori indipendenti a Firenze, dove lavorò per diverso tempo sotto la protezione dei Medici. Trasferitosi alla corte di Ludovico il Moro a Milano, passò poi a Mantova e a Venezia, e di nuovo a Firenze, dove fu ingegnere militare per Cesare Borgia, e infine si trasferì in Francia, alla corte di Francesco I, dove morì. Tra le sue opere pittoriche più celebri ricordiamo l’Ultima cena o Cenacolo (Milano, Santa Maria delle Grazie),  La Vergine delle Rocce e la Monna Lisa, conosciuta anche come Gioconda (conservate al Museo del Louvre a Parigi), e l’Annunciazione e l’Adorazione dei Magi (Uffizi, Firenze). Leonardo era convinto che l’attività artistica e la ricerca scientifica non fossero campi distinti e separati, ma che si potessero integrare reciprocamente perché condividono lo stesso scopo, quello cioè di conoscere e descrivere la natura; in questo senso Leonardo utilizzò tecniche come il chiaroscuro e lo sfumato per analizzare e risolvere alcuni problemi scientifici come i rapporti fra le grandezze delle figure, la prospettiva ecc. Scrisse inoltre una mole imponente di appunti (circa settemila fogli) raccolti in alcuni manoscritti autografi (tra cui il più famoso è il Codice Atlantico, conservato alla Pinacoteca Ambrosiana a Milano), in cui si trovano bozzetti di dipinti, e scritti e disegni sui temi più vari: matematica, ottica , meccanica, idraulica, scienza delle costruzioni, ingegneria, astronomia, anatomia, fisiologia, botanica, oltre che numerosi progetti e disegni di macchine. Alcuni di questi, come le macchine da guerra, furono realizzati; altri, come il paracadute, l’aliante o l’elicottero, vennero costruiti soltanto molti secoli più tardi. Basandosi sulle sue osservazioni, fu infatti tra i primi a riconoscere l’importanza dell’osservazione e della sperimentazione scientifica, e sulla pratica di artista e di progettista, Leonardo arrivò a formulare alcuni fondamentali principi di fisica, come i principi di azione e reazione, di composizione delle forze, di inerzia e alcuni principi di aerodinamica che sono tuttora coinsiderati validi; tali principi sono stati ripresi in epoche successive da altri studiosi e inquadrati all’interno di teorie più generali. Leonardo ha lasciato anche alcune fondamentali precisazioni di ottica, quali quella della persistenza delle immagini sulla retina, il principio del funzionamento della camera oscura e quello del moto ondulatorio con cui la luce si propaga. Dal punto di vista letterario, oltre al Trattato sulla pittura e ai moltissimi testi scientifici, ricordiamo le Favole, arguti apologhi in volgare ispirati oltre che alla favolistica classica anche all’osservazione della realtà.

(sapere.it)

Annunci